Tag

,

Era il 24 giugno quando successe.

Il dentino era già da un po’ che se ne dondolava bel bello in quella piccola boccuccia, il piccolo incisivo insieme al suo gemellino (ancora presente in boccuccia per poco) era stato spinto in avanti dai fratellini più grossi e permanenti.

La dentista aveva detto “no problem” cadranno da soli lo stesso ed anzi non avrai la finestrella aperta.

La Fr@ ogni tanto lo dondolava e fu il 23 sera durante il lavaggio denti che smuovendolo fece stillare un po’ sangue, lei ne fu un po’ spaventata, ma prontamente l’acqua fresca per il risciacquo calmò l’agitazione ed il rosso sanguinamento.

La mamma toccò il dentino e le disse: Fr@ ci siamo, domani questo dentino cadrà ormai è attaccato per poco alla gengiva.

Fu il giorno 24 giugno, di mattina tutto bene si recarono a scuola materna con un biglietto rivolto alle maestre dove insieme ad una richiesta di orario anticipato c’era anche quella di recuperare il prezioso primo dentino nel caso fosse caduto in classe.

La mamma andò a prendere la Fr@ alle ore tredici e mentre erano a metà strada verso il cancello di uscita lei chiamò la mamma che mentre si voltava a guardarla vide il dentino muoversi in caduta verso il fuori, prontamente la mamma la spostò dal flusso bimbi-genitori in uscita e messosi in un angolino tranquillo sfoderò uno scintillante fazzolettino di carta e con tutta la dolcezza del mondo le prese il dentino tra le dita che venne via subito senza alcun sforzo e senza nemmeno una goccia del temuto sangue.

Era fatta!

Il primo dentino era caduto tra gioia e tripudio, quella sera la fatina avrebbe fatto visita alla Fr@ che speranzosa mise il prezioso dentino dentro una scatolina comodino della Barbie.

La mattina dopo trovò una moneta scintillante grande ed un braccialetto di Mia and me con uno dei suoi preziosi ed amati unicorni.

L’attesa adesso è ripartita con l’altro incisivo, pur sapendo che la fatina arriva una sola volta l’evento è atteso perchè si sente più grande sempre un pochino di più.